Monocordo, Sedie e Lettini sonori

Home Forum Strumenti Musicali Monocordo, Sedie e Lettini sonori

  • Creatore
    Topic
  • #248
    MUSICOTERAPIA CLUB
    Amministratore del forum

    Il monocordo, o monocorde, è uno strumento dalle lontane origini. Più che essere uno strumento in sé, sarebbe meglio dire che appartiene a una classe di strumenti a corda tutti molto simili fra loro.

    Il nome monocordo è utilizzato molto in Italia per indicare una precisa metodologia di strumento, ma non trova riscontro nell’etimologia o nel significato del termine stesso.

    Con monocordo, spesso non si intende infatti uno strumento con una sola corda (di cui al mondo esistono comunque molti esemplari diversi), ma uno strumento con più corde, tutte accordate sulla stessa nota.

    In questo senso, sarebbe forse più corretto chiamarlo “monotono” o simili.

    Fondamentalmente, si tratta di una “scatola” chiusa e vuota al suo interno, il cui principale materiale è il legno. Tale “scatola” (che può avere dei buchi) funziona da cassa armonica e di risonanza. Poggiato orizzontalmente su un piano, il monocordo ha solitamente la forma rettangolare.

    Sul lato superiore, il vero e proprio piano o tavola armonica dello strumento, vengono installati due ponticelli alle estremità, sui quali passeranno poi le corde.

    Ecco dunque che quella appena descritta è la base di molti strumenti simili. Cambiando infatti la forma (ad esempio trapezoidale), il numero e il tipo di corde e la loro accordatura stessa, potremmo avere diversi strumenti simili nell’aspetto ma differenti in nomi, funzioni e tradizioni, come il koto o il santur, ad esempio, la tampura portatile o la chitarra “slide”.

    Se a tutto ciò aggiungiamo il tipo di tecnica sonora e tutti i vari materiali adoperati nelle parti secondarie, avremo allora l’uno o l’altro strumento, che si suona con le dita o con le bacchette, che appartiene a questa o a quell’altra tradizione geografica musicale.

    Il monocordo usato in musicoterapia non si distingue in particolari costruttivi o accordature, ma resta a livello base. Le sue corde vengono dunque sintonizzate tutte sulla stessa nota e semplicemente pizzicate o strusciate a piacimento, senza specificazioni di ritmo, durata o interruzioni.

    Lo scopo dello strumento è quello di creare una vera e ampia vibrazione armonica della stessa nota. Tale vibrazione sarà maggiormente potente in base al materiale e alla grandezza del monocordo stesso. Tale vibrazione può essere molto rilassante e meditativa. Può servire a creare tappeti armonici, come è possibile posizionare lo strumento sul corpo per fare assorbire direttamente le sue vibrazioni.

    Solitamente, per questo tipo di monocordi, si utilizzano corde in metallo. Tipologie più complesse dello stesso strumento, ma sempre costruite al medesimo scopo, sono poi le cosiddette “sedie sonore” o “lettini sonori”.

    Sedie e lettini sonori non sono altro che sedie o lettini in legno usati nelle terapie sonore o in pratiche di musicoterapia. Una persona può sedersi o sdraiarsi su quello che è lo strumento stesso per ricevere direttamente le vibrazioni a contatto con il corpo.

    Dietro lo schienale della sedia o sul lato inferiore del lettino, sono infatti poggiate le corde, come se essi fossero il piano armonico dello strumento.

    Anche in questo caso, si tende ad accordare le corde tutte sulla stessa nota, per amplificarne gli effetti vibrazionali e armonici.

    Essendo però degli strumenti accordabili, nulla vieta di creare accordi o addirittura scale, anche se in questo caso, la tipologia dello strumento inizia a divenire più quella di altri strumenti musicali.

    La musica è terapia dell'anima

DEVI REGISTRARTI AL FORUM SE VUOI SCRIVERE

SCELTI PER VOI: